Benvenuto nel sito ufficiale del Comune di Magliano Sabina Sei nella Home Page del Comune di Magliano Sabina.
HOME  |  MAPPA
Motore di ricerca
  
Solo testo    |   Alta visibilità

Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Settembre 2018

L M M G V S D
     
10 11 12 13 14 15 16 
17 18 19 20 21 22 23 
24 25 26 27 28 29 30 
« Indietro  |  Avanti »
Panorama


Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » Magliano, terra di buongustai
Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » Magliano, terra di buongustai

Il Turista e il Territorio

 

Magliano, terra di buongustai

La gastronomia è un fiore all'occhiello di Magliano Sabina. Merito dell'olio, del vino, delle ricchezze dell'agricoltura e - soprattutto - dell'essere terra di confine. A cavallo tra Sabina, Tuscia e Umbria meridionale, la cucina locale è una straordinaria e gustosa contaminazione tra tradizioni ed esperienze. Così se si va a spulciare nei menu dei ristoratori locali, si possono trovare - insieme ad una cucina più raffinata - delle scelte tradizionali: strozzapreti, pasta con ceci o fagioli, la polenta con la "padellaccia" di maiale seguita da carne o "mazzafegate" (tipica salsiccia di fegato di maiale con scorzette di arancia e trito di aglio) alla brace oppure abbacchio a scottadito.

Al Ristorante degli Angeli (mappa) si possono apprezzare gli gnocchetti di ceci al burro seguiti da fegatini di maiale con uva passa e miele (ricordo di antica ricetta medievale), oppure zampetti di maiale con fagioli. La cucina di Zio Lillo (mappa), unica "osteria" nel centro storico, propone tagliolini al lardo e mentuccia, così come gustosamente descritti in un sonetto dialettale maglianese, e coniglio con olive e miele accompagnato da patate lesse al prezzemolo. Mondo Max (mappa), invece, offre un particolarissimo abbinamento che si adatta ad essere servito come antipasto, contorno o frutta: un’arancia condita con olio sale e olive secche, di antica memoria, seguita dal semplice e deciso sapore della pasta cacio e pepe. Da Elsa (mappa) consigliano per primo ravioli alla borragine e ricotta e per secondo abbacchio con persuccia (maggiorana) oppure faraona alle olive. A La Pergola (mappa) suggeriscono un primo al sugo: maltagliati con olive e odori abbinati al particolare sapore del baccalà con prugne e uva passa. Da Giancarla (mappa) spazia dalla puttanesca alle amatriciane con paste fatte a mano; carni tra cui i piccioncini; contorni con prodotti della valle del Tevere. Tra i dolci crostate con marmellate fatte in casa. In tutti i ristoranti le verdure servite sono sempre di stagione e accanto alla tradizionale cicoria ripassata, a suo tempo, sono immancabili le puntarelle con alici e aglio.  Anche se nella zona non c’è una tradizione di pesce, al Ristorante Sabina (mappa) è stata sempre curata questa cucina - con risultati notevoli - nel rispetto dei criteri della cucina maglianese.

L’agriturismo La Locanda Flaminia (mappa) consiglia fave lesse condite con olio nuovo sale e pepe, poi maltagliati con broccoli e guanciale seguiti da piccione ripieno aromatizzato alle erbe. All’agriturismo Il Giglio (mappa) suggeriscono crostini di cicerchia con carciofi o menta o la vignarola: un pane bruscato riempito con soffritto di salsiccia e cicoria ripassata in padella con pomodoro, tipico del periodo della vendemmia. Immancabili gli gnocchetti di ceci profumati alle erbe e coniglio ripieno con odori e finocchietto selvatico. Il Casale di Poyel (mappa) annovera tra i propri piatti: frittatine di uova biologiche di casa al profumo di mentuccia, ravioli fatti in casa ricotta e spinaci saltati con rucola e pachino dell’orto, polli ruspanti di casa al sale, cotti al forno a legna, misticanza del campo, crostatine alla marmellata di casa.  All'agriturismo Borgodoro in osteria è possibile gustare vino, selezioni di salumi e bruschetta croccante accompagnata da una punta di pecorino fresco. Nella vecchia stalla si trovano, tutti fatti in casa, ricotte fresche, pecorini, salumi, mieli, marmellate, crostate e dolcetti. L'agriturismo Frangellini (mappa) offre cucina tipica sabina, con il 79% dei prodotti di produzione propria, e tra le specialità spiccano l'olio extra vergine d'oliva e il vino.  L'agriturismo Colle Elmo (mappa) che con apposito braciere fa tornare indietro nel tempo con le patate cotte sotto la cenere o con la sorca onda: guanciale scottato con aceto e salvia su pane tostato. Inoltre offre frittata coi ficoccetti o frascarelli al pomodoro con funghi sementini e olive nere, zampetti di maiale lessi e ripassati in pomodoro. In periodi particolari, come quello natalizio, guazzetto di baccalà in agrodolce con pomodoro, prugne, uvetta e una spolverata di cioccolato tritato, per finire con un dolce particolare: uno sformato di rigatoni con strati di alchermens, noci tritate e cioccolato grattugiato. Infine, sempre in particolari periodi dell'anno, sono presenti in tutti gli agriturismi i tradizionali dolci da quelli natalizi (pampepato e tozzetti) a quelli pasquali (pizza pasquale dolce o al formaggio).

  • Ristoranti
    • Degli Angeli (riposo settimanale: domenica sera e lunedì; telefono: +39 0744.91377; mappa)
    • La Pergola (riposo settimanale: martedì; telefono: +39 0744.919841; mappa)
    • Mondo Max (riposo settimanale: domenica e lunedì; telefono: +39 0744.910160; mappa)
    • Da Elsa (riposo settimanale: giovedì; telefono: +39 0744.91767; mappa)
    • Sabina (riposo settimanale: sempre aperto; telefono: +39 0744.919990; mappa)
    • Da Giancarla (riposo settimanale: domenica sera e lunedì; telefono: +39 0744.91482; mappa)
    • Osteria Zio Lillo (riposo settimanale: chiuso la sera e il lunedì; telefono: +39 0744.921044; mappa)
    • Belvedere (riposo settimanale: mercoledì; telefono: +39 0744.718265; mappa)
    • Taverna della Goliardia  (tel. 3381940209)

 

  • Agriturismi
    • Il Giglio (aperto: tutto l'anno da giovedì a domenica; telefono: +39 0744.910078; mappa)
    • Colle Elmo (aperto: tutto l'anno dal pranzo del mercoledì al pranzo della domenica; telefono: +39 0744.91785; mappa)
    • La Locanda Flaminia (aperto: tutto l’anno con chiusura di due mesi da determinare; telefono: +39 0744.919081; mappa)
    • Frangellini Casale San Tomao (aperto: dall'11 marzo al 9 gennaio, dalla cena del giovedì al pranzo della domenica; telefono: +39 0744.919772; mappa)
    • Casale di Poyel (aperto: tutto l'anno, chiusura 7-30 novembre; telefono: +39 338.2901202 – +39 334.2479278; mappa)
    • Borgodoro (aperto: tutto l'anno; telefono: +39 333.7384995 - +39 06.7092188 - +39 338.8910040; mappa)

Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Tarano

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Piazza Garibaldi, 4 - 02046 Magliano Sabina (RI)
Tel. 0744-910336 - Fax 0744-919903
C.F.: 00108350570

Realizzazione
ImpresaInsieme S.r.l.Proxime S.r.l.